Chi sono: spazio parole

Chi sono: spazio parole 2017-10-04T16:55:46+00:00

Perché uno spazio per parlare delle parole? Perché le parole sono importanti.
Le parole permettono di raccontare storie, di esprimere concetti, di costruire castelli in aria ma anche di spiegare come costruirne uno vero, in muratura.
Oggi le parole sono usate per lo più a caso, e chi usa “seriamente” le parole lo fa spesso per crare una distanza, un muro, fra chi quelle parole le legge e le capisce e chi quelle parole se le fa solo raccontare, con un senso che varia all’infinito ma non è mai quello vero.

A me è sempre piaciuto leggere e scrivere, sono stato molto precoce in questo.

Ho scritto su diverse testate locali e nazionali. Ho scritto anche qualche libro su commissione.

 

Riccione, la Città

Era un mensile per il quale scrivevo articoli e aiutavo gli altri redattori a completare i propri progetti. Realizzavo integralmente la grafica e l’impaginazione del giornale. Ho intervistato e fotografato, fra i tanti, Enzo Jannacci, Paolo Rossi, Corrado Guzzanti, Samuele Bersani, i Nomadi, Vinicio Capossela…

Applicando

È il più vecchio magazine italiano dedicato al settore dei computer Apple. La redazione mi mandava con un corriere apparecchi e programmi, che io testavo e dei quali scrivevo le recensioni tecniche. Feci colpo sulla redazione perché avevo un computer compatibile con Apple, ma che loro non avevano mai visto.

Sound&Lite

È stata la prima rivista italiana dedicata al settore professionale della tecnica per lo spettacolo: audio, luci, installazioni ed anche recensione dei prodotti di mercato.

E ancora tanti altri lavori… parole… 5 libri usciti nel mercato dell’editoria reminder, decine e decine di articoli pubblicati su testate specialistiche, collaborazioni nella realizzazione di testi teatrali, realizzazione di documentazione tecnica…